About

“Attenzione! Qui si parla di qualcuno che forse non è mai esistito,
ma forse sì.
Questo pur lieve sospetto di esistenza ha garantito al nostro Eroe una vita avventurosa e sempiterna. Egli ha indossato panni di Bambino, Dio, Principe, Ladro, Amante, ed è stato adorato, travisato, processato, sublimato, invocato, deriso, analizzato, smontato, e castigato.
Ecco come sta, ora, in castigo e in esilio dalle città, incapace di parlare di sé con parole che gli assomiglino.
Vive lunghe ore in solitario abbandono e sporadici istanti di splendido fulgore ridendo in spiaggia con una bella ragazza, sempre affabile, in gran forma; o a una mostra semivuota di Gastel; o dentro all’algido azzurrino di un profilo Disqus che potrebbe, volendo, testimoniare della sua esistenza.
Noi gli dedichiamo queste pagine, che ospiteranno presto qualche pensiero sincero, qualche scherzo (che sappiamo non dispiacergli) e qualche storia che speriamo lo intrattenga e lo onori.
E un fiore in primavera, e il Cosby che di nome fa Bing, e i delfini che sorridono. Simboli del dono d’Amore. A Daniele.”

.

VERGOGNATI!

Alcuni ultra fan di Luttazzi, molti detrattori e una vastità di comici falliti hanno preso per buone le teorie esposte in un blog farsesco e brutale che mira a canzonare Luttazzi.

Vengono prese le sue teorie, cioè le cose ufficialmente dichiarate da Luttazzi, ed esasperate fino al ridicolo in un goffo tentativo mimetico.

A questo si aggiunge una fitta attività di spamming che ha portato un blog completamente anonimo e non riconosciuto da Daniele Luttazzi a diventare un punto di riferimento per coloro i quali un’opinione sul caso Luttazzi non se l’erano fatta.

Come è possibile che un artista all’apice del suo successo venga letteralmente distrutto dal web?
Che un blog anonimo e diffamatorio (anche se il nome ne richiamerebbe una funzione oppost, anti-diffamazione) diventi carta tornasole, fonte autorevole – senza che nessuno si ponga l’elementare questione della comparazione delle fonti? E soprattutto: Luttazzi è sparito dalla scena già da due anni (maggio 2010), perchè decine di ex-fan continuano a diffamarlo con tanto entusiasmo?

New media, satira, comicità,  letteraratura, linciaggio mediatico, web marketing, comunicazione e web 2.0.
Il caso Luttazzi/Plagi in qualche modo ci offre la possibilità di ragionare e dibattere su questi ed altri argomenti.

Non vogliamo prestare la spalla agli ultra fan, agli ex-fan e ai detrattori.
Semplicemente esprimere la nostra opinione e confrontarci con chi ci vorrà seguire.

Stefano
Marco
Ponghi

  1. Karel

    Beh, prendendo sul serio le vostre buone intenzioni, è difficile acettare quello che voi dite altrove, cioè:

    “Moneyformoths non è contro Luttazzi: è, piuttosto, post-Luttazzi. Stemperiamo le posizioni dei manichei (“è un genio, non ha sbagliato nulla”; “il suo valore artistico è nullo”) talvolta nella critica circoscritta, più spesso nello scherzo/allusione demistificante e riconciliante, o nel discorso artistico “a partire da”. Non siamo mossi dal livore dei Savonarola, ma dalla leggerezza morbida e gentile di chi vede nel Caso Plagi (solo?) un bell’argomento, pieno di potenzialità inesplorate. Nel nostro mondo, […]
    Luttazzi va rimesso drasticamente in prospettiva E riammesso nel dibattito. Una cosa non esclude l’altra. Moneyformoths è il buffetto complice con cui gli viene strappata una mostrina, ma non la divisa. Adesso è caporale. Farà un ottimo lavoro.”

    Il lavoro che fate sul blog, la curiosità che vi muove, la vostra preparazione, sono sicuramente lodevoli.
    Però non siete credibili:
    quando vi autoproclamate “il buffetto complice con cui gli viene strappata la mostrina” siete anche un po’ patetici, proprio perchè siete voi stessi a proclamarvi degni di strappare mostrine e riammettere nel dibattito qualcuno. Le vostre parole hanno senso, ma perdono valore se uno guarda il pulpito dal quale le pronunciate.
    per quanto siate bravi, spigliati, simpatici, conoscete pure il noise grind con aspirapolvere genitale dei gerogerigegege, beh, nonostante tutto non mi sento di dover pendere dalle vostre labbra per quanto riguarda la reputazione di luttazzi.
    sembrate invero gente motivata, rigorosa e capace, ma disperatamente bisognosi di mettersi al centro dell’attenzione, per poter dare buffetti.
    la frase “Luttazzi va riammesso nel dibattitto dopo avergli strappato le mostrine” sarebbe odiosa, ma forse necessaria, se detta da un collega di Luttazzi, tipo Fo o Guzzanti, o anche Natalino Balasso.
    Voi tre non siete nessuno di così autorevole, per questo l’immagine delle mostrine suona sgraziata in bocca a voi. Almeno, alle mie orecchie sembra un po’ presuntuosa.
    Insomma, continuate col vostro eccellente lavoro, ma il cono di luce che vi siete puntati addosso potrebbe finire col bruciarvi i capelli.
    Senza rancore,
    saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...